Cerca
  • agenziafunebrefema

I COLORI DEL LUTTO

Lo sapevate che i colori del lutto non sono gli stessi in tutto il mondo?

Ve lo raccontiamo noi...


Il rosso:

Il colore rosso era utilizzato nelle popolazioni preistoriche dove le spoglie dei defunti venivano dipinte con pigmenti vegetali di questo colore.

Tale tradizione venne ripresa dagli antichi Egizi che tumulavano i defunti con stoffe scarlatte, e ricoprivano i sarcofagi con drappi dello stesso colore. Inoltre i partecipanti alla cerimonia funebre vestivano di rosso.

Ad oggi il rosso viene utilizzato in India, dove rosse sono le divinità funerarie, gli abiti delle vedove, dei parenti e le tinte con cui viene strofinato il corpo del defunto.


Il nero e il viola:

L’usanza di vestirsi di nero nei mesi di lutto ha origini nell’antica Roma dove si indossavano stole dalle tinte scure ed era vietato vestirsi con capi bianchi o con tessuti preziosi durante la celebrazione dei riti funebri.

Nel Medioevo i reali francesi scelsero come colore del lutto il bianco finché Maria Stuarda non ordinò di utilizzare il colore nero per la sua veglia funebre, così come da tradizione spagnola. Da allora il collegare il colore nero al lutto è diventata consuetudine.

E così si dipingevano le porte delle case di nero, si utilizzavano pesanti tendaggi neri e ci si vestiva di nero per tutto il periodo del lutto stretto, cominciando a riutilizzare indumenti di colore diverso dal nero solo dopo la fine di questo periodo.

In ambito Cristiano il viola è collegato alla morte, così i sacerdoti vestono paramenti viola non solo durante l’Avvento e la Quaresima, ma anche durante la celebrazione dei funerali.

Il bianco:

In Cina il colore del lutto è il bianco e per tale usanza, è vietato utilizzare carta bianca per confezionare pacchi regalo o utilizzare questo colore durante le festività.

Fino al 19° secolo anche in Giappone il colore del lutto era il bianco, ma con la globalizzazione, anche in oriente comincia a diffondersi l’utilizzo del nero per le cerimonie funebri.

Infatti il Kouden, il sacchetto utilizzato per la raccolta delle offerte durante i riti funebri, ha un nastro bianco e uno nero.

Anche in Africa il colore associato al lutto è il bianco: nel Togo le persone colpite da un lutto si disegnano una striscia bianca sulla fronte, mentre in Camerun del sud la vedova colora le gambe di bianco.



33 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti